Perché staccare fa bene al tuo business 

Perché staccare fa bene al tuo business: spunti utili per Estate e tutto l'annoSiamo arrivati ad agosto, il mese delle ferie per antonomasia e per i freelance si prospetta un momento delicato.
Abbiamo appena fatto il bilancio di metà anno,  i conti con il commercialista, pagato le tasse e ora non ci starebbe affatto male un po’ di stacco, ma improvvisamente tutto diventa urgente, impellente, per avanti ieri e se il problema non sono i clienti, perché magari sei tra quelli che riescono a gestirli bene (scatta la standing ovation per te!), ecco che arriva il giudice interno, il tuo Grillo parlante, immancabile, col suo carico di dubbi, ansie, preoccupazioni e successivi sensi di colpa.

Magari sei indietro rispetto al tuo obiettivo economico annuale e non ci starebbe male incassare qualche altro soldino; magari ti stanno arrivando nuove richieste di preventivo e ti senti in colpa a dire “ne riparliamo a fine mese”; magari semplicemente essendo un mese in cui si può rallentare la corsa del lavoro per i clienti, vorresti finalmente dedicare un po’ di tempo in più al tuo business (di questo ne parlerò nel blog post della prossima settimana, quindi stay here! 😉 )

Se questa è la tua situazione e ti ritrovi anche in una sola di queste ipotesi, è il caso che tu legga questo articolo.

L’importanza di Staccare

Si dice che nessuno possa elargire consigli su cose di cui non sappia nulla, quindi, per la stessa meravigliosa ragione, oggi ti parlerò proprio di lui, Mister Riposo, perché è un tema con cui ho dovuto fare i conti anch’io, legittimandomi a dire alcuni sani No e a prendermi tempo per recuperare.
Ti parlerò di quanto faccia bene al tuo business e di come dirgli Sì, senza cadere nella trappola dei sensi di colpa.

Ora, senza arrivare a scomodare il Creatore, che ricordiamolo, anche Lui al settimo giorno si riposò, persino l’ultima App di fitness che ho scaricato sul mio cellulare dice: è ora di riposare, anche il riposo è allenamento! (giuro, c’è scritto così).
Sì, hai letto bene: anche la mia app ha capito che al quinto giorno di lavoro fitto, devi riposare.

Se tanto mi da tanto, dopo 11 mesi di lavoro matto e disperatissimo, di fatture, di mail a cui rispondere, di telefonate e tanto ommm, di respiri profondi e risate isteriche, di strategie di marketing e percorsi comunicativi, di parole scritte che cercano di trovare la via del cuore, di mani, abbracci, contatti ed esperienze condivise… ecco, dopo tutto questo, non pensi che anche noi freelance, malgrado le paure con cui fare i conti, ci meritiamo un po’ di sano riposo?

Io direi di sì, quindi  con autorevolezza e senza rimpianti pronuncio un saldo Stop, mi fermo! e invito a farlo anche a te.

Perché? Perché ne vale il benessere personale e di conseguenza quello del nostro business.
Io posso anche preoccuparmi del mio fatturato e tirare la corda fino a che non vado in born-out, ma quando questo accade, poi che ne sarà di me e della mia attività di freelance?

La nostra mente ha bisogno di riposare

Il nostro cervello non è preparato per restare attivo per lungo tempo a livelli troppo alti: se lo facciamo per troppo a lungo, finiamo con lo stancarci e ridurre al minimo il nostro rendimento.

Facci caso, se non stacchi mai, il cervello si impigrisce, si deconcentra e inizia a non funzionare più al meglio, così perdiamo tutta la nostra produttività e non solo non raggiungiamo l’obiettivo che ci eravamo prefissati, ma saremo pure frustrati per non aver concluso nulla e aver perso tempo.

E quando lo stress è troppo alto e le giornate sono sopraffatte da un senso profondo di ansia, ecco che non serve fare più a nulla la nostra pratica quotidiana di meditazione e yoga, perché abbiamo inquinato il nostro equilibrio.

Prima di arrivare a questo, quindi, è bene fare i conti con i nostri sensi di colpa, ascoltarli e rassicurarli come si fa con gli amici dopo una delusione amorosa, e poi dire loro: ok, è ora di andare a fare un giretto!
Fatta questa operazione, il trucco sta semplicemente in una buona organizzazione e gestione del tempo, così da imparare a prendersi dei sani momenti di recupero senza preoccupazioni di sorta.

Partiamo dall’abc: 3 moduli salva-freelance

Vivere immersi nello stress della quotidianità non ci fa bene, quindi, dobbiamo dedicarci almeno 3 routine/moduli di benessere:

  1.  un’ora al giorno, tutti i giorni, per te e per il tuo benessere
  2.  un paio di giorni di stacco completo a settimana
  3.  2/3 settimane, 2 volte l’anno per recuperare completamente

Ma che significa staccare davvero? E perché a volte pur prendendosi dei giorni di apparente riposo, ti senti comunque irascibile e con una vibrazione costante in testa, come se qualcosa ti dicesse: devi finire di fare un compito! (ma quale compito?!)

Perché per riposarsi davvero e ricaricare le pile, non basta non lavorare: è necessario apportare delle modifiche nella routine quotidiana, grazie ad un approccio diverso.
I giorni di stacco sono giorni di stacco, quindi: no alle sveglie presto, a meno che non sia per qualcosa che ti emoziona tantissimo, no alla lettura e alla risposta di mail, no all’incastro di mille attività e incombenze: il tetris lasciamolo ai giorni feriali.

Bisogna cercare il più possibile di fare cose che ci facciano vibrare positivamente: un viaggio, una cena con amici, una serata di ballo, una gita fuori porta… ma soprattutto, bisogna lasciare spazio ad un ingrediente segreto fondamentale: l’improvvisazione!

Se infatti anche durante le ferie incastriamo tutte le nostre giornate come durante i giorni di lavoro, come pensiamo di poterci rigenerare?
Ora che sappiamo come fare, scopriamo anche quali sono i benefici del riposo.

I Benefici di Mister Riposo

Spesso, soprattutto ai liberi professionisti capita di pensare che riposare sia una perdita di tempo (“con tutto quello che ho da fare figurati se mi posso permettere di starmene sul divano a leggere!”) o che non staccare significhi essere più produttivi, ma è un grosso errore e te lo dice una che è stata educata a “pane e non ti sedere, che c’è ancora da fare!”.
Ti svelo un piccolo segreto, se non stacchi, ti ammali: puoi diventare vittima di ansia, stress, irascibilità, tachicardia e nei casi peggiori anche di attacchi di panico e depressione.

Se le cose stanno così, perché tirare la corda?
E perché, piuttosto, non regalarsi tutti i benefici del riposo?
Vediamoli insieme!

Il riposo

  • Aumenta la creatività
  • Migliora capacità di problem solving, capacità decisionali e lucidità di giudizio
  • Riduce stress e ansia
  • Ci rende più felici

Se impariamo a riposare, il nostro rendimento sul lavoro ne risentirà positivamente. Saremo pieni di energia e ottimismo per cominciare ogni nuovo giorno.
Ti assale ancora l’ansia all’idea che le ferie finiranno presto e dovrai riprendere la tua routine? Questo accade se non ti sei rilassato davvero. Ossessionarsi durante le vacanze e voler fare ogni cosa ci impedisce di sfruttarle appieno. quindi il consiglio è: non pianificare tutto, lascia che le cose fluiscano e, soprattutto, goditele!

E cosa fare col il senso di colpa?

Te lo dico subito: se impari a prenderti i giusti tempi di riposo, ti accorgerai subito che il tuo lavoro ne beneficerà: sarai più ispirato, più energico, più proattivo.
Questo ti permetterà di dimostrare al tuo Io giudicante (quello del senso di colpa, per intenderci) che tu funzioni benissimo lo stesso e che non è proprio il caso che stia lì col ditino puntato a farti “Te l’avevo detto!”

Quindi, bando a dubbi e perplessità, fermati, siediti un attimo e ripeti con me:

È tempo di riposare

me lo merito

mi merito di staccare e rigenerarmi

tornerò più felice, carica e produttiva che mai!

E ora, prendi l’agenda e fissa 3 settimane tutte per te, dedicate solo a quello che ti piace fare di più!
Niente sensi di colpa, solo tanta felicità!

E se proprio proprio ci tieni a non fare solo la cicala, ma ti piace avere la mente della formichina operosa, e desideri sì staccare, ma anche curare un po’ il tuo business, nel blog post della prossima settimana, ti racconto come puoi organizzare al meglio tutto.
Ci sarai? Spero di sì! 😉

Agosto_1_2019

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche questo: