,

Decluttering per il tuo business: da dove iniziare

Decluttering per il tuo business: da dove partire

Con l’arrivo di settembre, noi freelance facciamo come le lumachine dopo la pioggia: usciamo tutti fuori pieni di novità e buoni propositi.
Se anche tu, dopo uno stacco estivo di teli da mare, salsedine, scarpinate in montagna e letture, hai lavorato per qualche settimana al dietro le quinte del tuo biz, ora stai scalpitando per far vedere a tutti le belle idee che ti sono venute in mente e tutto ciò è meraviglioso.

Ma fra tutte le attività, a mio avviso, ce n’è una che spesso viene trascurata e che invece io credo faccia molto bene al nostro business.
A cosa mi riferisco? Al fare pulizia, al tagliare i rami secchi, ad eliminare quello che non ci rappresenta più.

Fare pulizia

Ti ricordi cosa facevi a settembre prima di riprendere con la scuola?
Prima ancora di andare in cartoleria e fare gli acquisti necessari e di inebriarti in mezzo ai profumi della carta, dei libri nuovi, dello zaino (non so se anche per te era così, ma io adoravo quel momento e lo adoro ancora! 😍), di solito mi mettevo in cameretta e selezionavo.
Ricordo che mi sedevo alla scrivania, con mia mamma vicino che mi aiutava, e con pazienza passavo in rassegna tutti gli strumenti scolastici rimasti dall’anno precedente, per selezionare quello che era ancora utilizzabile e quello da accantonare.

Ti racconto questo aneddoto, perché rappresenta bene quello di cui ti parlerò oggi, ossia di quanto sia importante e necessario fermarsi a guardare i “propri strumenti” e selezionare quelli da tenere e quelli da lasciare andare.

Consapevolezza e pulizia nel tuo biz

Se non l’hai ancora fatto, quindi, il mio consiglio è quello di dedicare qualche momento a rispondere a queste domande:

  • Chi sei?
  • Dove vuoi andare con la tua attività?
  • Qual’è la tua missione ideologica e con quali strumenti pensi di poterla portare avanti?
  • Il tuo business di oggi ti rappresenta a pieno o senti che qualcosa è diventato obsoleto?
  • I tuoi servizi o prodotti, sono ancora quelli che ti fanno battere il cuore, o pensi che sia necessario lasciar andare qualcosa?
  • Nella tua visione della te di domani, cosa farai e nella cassetta degli attrezzi, cosa ti porti dietro?

Chiediti tutto questo, perché è grazie a queste domande che saprai riconoscere autenticamente chi desideri diventare e quale strada desideri prenda il tuo business.

Cosa c’entra in tutto questo il decluttering? Te lo spiego subito.
Decluttering, parola ormai abbastanza abusata ma che ha ancora il suo fascino, significa fare pulizia, eliminare il superfluo, l’obsoleto, il ridondante e tornare all’essenziale.
E non ti sembra meraviglioso l’idea di tornare all’essenziale?

Facendo pulizia, inoltre, eliminiamo quello che non ci rappresenta più, e oltre ad avere una Visione più chiara del nostro brand, avremo un bonus speciale: faremo spazio all’abbondanza!

Sì, hai letto bene, ho parlato di Abbondanza. La Signora in questione non è mica scema: arriva solo quando sa di poter trovare posto!
E se rifletti bene, come possiamo accogliere l’abbondanza,  la prosperità, il fluire di nuove idee e di nuove energie se prima non abbiamo pulito il terreno che dovrebbe accoglierle?

È un po’ come per la Semina: come puoi seminare e sperare in frutti rigogliosi, se prima non hai preparato il terreno, estirpato le erbacce, vangando e arieggiato la terra?(Ah, i miei esempi bucolici, come rendono bene! Quasi quasi mi autocompiaccio!😉)

Fai pulizia nel tuo business

Dopo tutto questo preambolo, arriviamo alla pratica.
Come declinare nella tua attività questo fantastico processo di rinnovamento? Da dove partire?

Vi racconto un po’ la mia esperienza.
Dopo aver fatto un lungo percorso di consapevolezza su di me durato vari mesi, ho sentito che alcuni servizi non rappresentavano più non solo la Nausica di oggi, ma soprattutto la Nausica che voglio essere tra 10 anni e così ho scandagliato servizio per servizio e mi sono chiesta con tutta l’onestà del mondo che sensazione mi dessero.
Quelli che non sentivo più nelle mie corde, che mi creavano ansia e che mi trasmettevano sensazioni non positive, li ho raggruppati e, dopo attenta valutazione, ho deciso di eliminarli.
Ho tagliato, pulito, eliminato per far spazio a Servizi più aderenti a chi desidero essere nel mio lavoro.
Così, più forte delle paure che a volte affollano la nostra mente,  ho deciso di aprire le braccia e alzarmi in volo con nuovi servizi che mi fanno commuovere, da quanto mi fanno vibrare! (Se sei curiosa/o di scoprirli, iscriviti alla newsletter a fondo pagina, perché è lì che li annuncerò per la prima volta e alcuni stanno giusto giusto per arrivare!🎉🌱)

Da dove partire?

Ora tocca a te, quindi.
All’inizio del lavoro da freelance può capitare di avere le idee ancora poco chiare su chi desideri essere davvero. Magari inizi abbracciando un percorso più ampio, per poi renderti conto in corso d’opera che la cosa più sensata è specializzarti, scegliere qualcosa in cui ti senti davvero a tuo agio e che permette a te stessa/o, ai tuoi talenti e alle tue competenze di uscire al meglio.

Per questo, se all’inizio il rischio è quello di offrire tanti servizi, un po’ perché desideri metterti alla prova, un po’ per paura di non lavorare abbastanza, un po’ perché anche tu hai le idee poco chiare su chi vuoi essere, ad un certo punto, però, credo sia opportuno farsi un regalo: scegliere davvero la direzione che si desidera seguire, puntare il dito verso la propria stella e fare di tutto per trasformare un desiderio in un obiettivo realizzabile.

E per fare questo, non puoi portarti dietro troppa zavorra, devi alleggerirti, devi sentire la freschezza del sogno, il desiderio che spinge verso l’alto, la tensione che ti porta alle stelle!

Come fare? Elimina, appunto!
Parti dai Servizi ed elimina quelli che senti obsoleti.

 

Come scegliere cosa eliminare

Il mio consiglio è porti queste domande e risponderti scrivendo tutto su carta:

  • quale servizio delegheresti se non avessi bisogno di soldi?
  • Quale invece ami tantissimo fare?
  • Quale ti dà gioia nel farlo e ti fa battere il cuore?
  • Quale invece al solo pensiero di farlo ti fa sentire disagio, ansia o cattive vibrazioni?

Bene, se rispondi autenticamente a queste domande, avrai già individuato alcune risposte utili.
In più ti svelo un piccolo segreto: quello che ti appesantisce non ti permette di progredire.

Quindi, perché investire energie e forze in un progetto stantio e logoro, quando tutto il tuo io più profondo punta il dito verso la realizzazione di qualcosa di più leggero e aderente al tuo io?
Perché irrigidirsi o auto-boicottarsi, quando potresti investire le tue risorse in un progetto più piacevole e magari anche più redditizio?

Ora, se desideri davvero la tua felicità, perché come sai la felicità sta nelle piccole cose, non indugiare! Elimina dal cassetto dei Servizi quelli che non ti appartengono più e che tieni solo per paura, alleggerisci il tuo business e permettergli di spiccare il volo!⭐

Settembre 5_2019

Sai che il 10 settembre alle 10 arriva la prima newsletter Semi di Bello🌱?
Iscriviti, ne vale la pena! ⭐